La menopausa non è una malattia. I suoi disturbi possono essere mediati con una dieta terapeutica e con alcuni rimedi naturali.



È una fase importante e lunga della vita di una donna tanto che, con l’innalzamento della durata media della vita, oggi una donna trascorre quasi un terzo della sua vita in menopausa.


Se è vero però che non deve essere considerata una malattia, è anche vero che i cambiamenti che si verificano sono molto importanti e possono generare vera sofferenza.

Prima di tutto la donna può avvertire un senso di perdita della propria femminilità, guardando da spettatrice impotente le forme del proprio corpo cambiare e il peso crescere senza aver cambiato alimentazione.

Spesso poi compaiono diversi e fastidiosi disturbi come le vampate di calore con sudorazione, la secchezza della pelle e delle mucose, l’insonnia, l’irritabilità e i disturbi della sfera sessuale.

E in ultimo, ma non certo per importanza,  i cambiamenti ormonali legati alla menopausa determinano un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, diabete, ipertensione, osteoporosi e fratture ossee.

In questa fase spesso così difficile, l’alimentazione può essere di fondamentale aiuto per riappropriarsi della propria femminilità, combattere i diversi disturbi e ridurre il rischio di ammalarsi.

Vediamo quindi quali sono i principi generali dell’alimentazione in menopausa:

  1. In menopausa l’alimentazione si basa innanzitutto sull’utilizzo di cibi ricchi di fitoestrogeni che sono delle sostanze naturali capaci di mimare l’azione degli estrogeni, gli ormoni femminili la cui riduzione in questa fase della vita è la causa principale dei disturbi e delle malattie che possono comparire.
  2. Altro aspetto importante è quello di fornire il giusto apporto di calcio per prevenire i problemi alle ossa.
  3. E’ anche importante scegliere alimenti capaci di stimolare la tiroide che spesso in questa fase della vita subisce un rallentamento
  4. Anche gli alimenti con la capacità di fluidificare il sangue risultano molto utili per ridurre il rischio di comparsa di malattie cardiovascolari che aumenta sensibilmente nella donna in menopausa per il venir meno dell’azione protettiva degli estrogeni.
  5. Fondamentale poi è ridurre, con i corretti abbinamenti all’interno di ogni pasto, il tono insulinico per prevenire l’aumento di peso e del girovita.
  6. E infine utilizzare le proprietà dei cibi in grado di ridurre l’irritabilità e i disturbi del sonno.

E’ importante ricordare che i tumori al seno possono essere ormono-sensibili: possiedono cioè recettori per estrogeni e progesterone che li fanno crescere.

Se una donna viene colpita da un tumore al seno ormono-sensibile deve evitare di assumere quegli alimenti che vedremo essere ricchi di fitoestrogeni.

VEDIAMO ORA NELLA PRATICA COME VA IMPOSTATA UNA GIORNATA TIPO PER UNA DONNA IN MENOPAUSA.


La prima web app che combina i cibi per te

Raggiungi i tuoi obiettivi di salute creando in pochi click menù con i giusti abbinamenti